Filatelia Numismatica Quatttrobaj
www.quattrobaj.com                   
     |    |    |    |  
 > Home  > Articoli  > Articoli Monete  > Leggi gli articoli  > Articolo Utenti: 3708  24/11/2017, 22:52  
 

   Ricerca avanzata
  Categorie Articoli
 Monete
  Numismatica (1)
  Romane (1)
  Savoia (9)
  Vittorio Emanuele III (1)
  Repubblica Italiana (2)

  Categorie Articoli
 Leggi gli articoli
 Archivio
 Report


LEGGI ARTICOLO

La prima Lira

La Storia

La nascita della prima moneta da una lira risale alla riforma monetaria voluta dal conte Emanuele Filiberto nel 1562, questo evento segnò il trapasso per gli Stati sabaudi dal Medioevo all’epoca moderna. Introdusse al posto del grosso la lira d’argento da 20 soldi e 240 denari dando un sistema monetario uniforme al Piemonte e alla Savoia; tre lire corrispondevano ad uno scudo, tre scudi un Filiberto d’oro battuto anche nei multipli da 9 lire e 27 lire (quest’ultimo mai apparso risulta noto attraverso i disegni del Promis). 

La lira introdotta da Emanuele Filiberto detta, dal motto inciso nel rovescio “INSTAR OMNIVM” (un motto preso a prestito da Cicerone ‘Bruto 191’) che significa “uguale per tutti”, fu coniata a Torino, Chambery, Vercelli, Asti, Bourg en Bresse, Aosta e forse anche ad Asti, la moneta misura mm 35 di diametro e pesa 12.80 g.

E’ una moneta di grande interesse storico essendo la prima lira effettiva realmente coniata e circolante nello stato Sabaudo e non più una moneta di conto. Ma a quello storico si aggiungono l’interesse e il valore artistico per lo splendido ritratto al diritto inciso da Alessandro Cesati detto il Grechetto, perché nato a Cipro ma di padre italiano. Emanuele Filiberto volle che ad incidere le monete della sua riforma fosse il grande medaglista. 

Su alcune di queste lire, rarissime, senza il marchio di zecca appare la data 1561 mentre la “Tavola delle nuove monete del Ducato di Savoia” porta la data del 13 marzo 1562. Il sig. Biaggi spiega questa incongruenza ipotizzando che le lire datate 1561 siano state battute nella zecca di Vercelli in base all’ordinanza dell’aprile 1561. e quindi in una fase ancora progettuale, insomma delle prove. Altra incongruenza si riscontra nelle monete coniate a Torino con data 1562 dato che questa città venne restituita dai francesi ai Savoia il 12 dicembre di quell’anno, non è possibile che la coniazione sia stata effettuata in uno spazio di tempo così breve. Sicuramente pur recando il millesimo 1562  furono battute nel 1563.


Lira 1562

Ø(mm): 35,00
Peso (g): 12,10-12,77
Metallo: argento
Contorno: Liscio

DIRITTO
Busto di Emanuele Filiberto a destra corazzato, data

ROVESCIO
INSTAR OMNIVM in ghirlanda di quercia, sigla

Al diritto la moneta presenta il profilo del Duca a tutto campo rivolto a destra con testa nuda e busto corazzato  con leggenda EM. FILIB. D. G. DUX. SAB. P. PED 1562. Al rovescio si trova il motto " INSTAR OMNIVM " contornato da ghirlanda di rami di quercia, in basso sotto il nastro sigle di zecca. . Il tondello presenta un diametro di 35 mm, con bordo liscio. Il metallo impiegato per la realizzazione di questa moneta è l'argento per un peso variabile fra 12,10 e 12,77 grammi. 

Sigle di zecca

A        zecca di Aosta
B        zecca di Bourg
P  zecca di Chambery
T       zecca di Torino
V      zecca di Vercelli
Senza segno di zecca Asti



 


Categoria: Monete
Sottocategoria: Savoia
Scritto da: Massimo R.
Inserito il: 04/06/2005

Stampa ... Versione per la stampa


 
Inizio pagina  

www.quattrobaj.com - sito di informazioni utili al collezionista numismatico e filatelico
Visitatori: 5812936